Ci saranno tempeste in futuro: tieni la tua organizzazione (e la tua performance) al sicuro. 4 punti da non mancare

È inevitabile che durante la vita di un’organizzazione ci siano momenti di tempesta. Il conflitto rischia di accendersi ogni volta e dovunque vi siano processi decisionali. In tempi di crisi, lo stress si accumula e le persone diventano meno tolleranti e accomodanti nelle divergenze. La reciproca comprensione diminuisce nelle condizioni difficili; la competizione interna prende il posto della cooperazione. Lo sai: le tempeste arrivano, prima o poi.

Esse offuscano la visione degli obiettivi e quando la vista diventa meno nitida le persone cadono facilmente vittime d’incomprensioni e la rivalità prende il posto dello Spirito di Corpo necessario a una buona performance.

Come leader ci si aspetta che tu veda arrivare la tempesta e agisca di conseguenza per tenere la tua gente al sicuro, mantenendo la performance dell’impresa al livello più alto possibile. Cosa puoi fare, dunque?

Beh, c’è un insieme di abilità che gli esseri umani hanno “di serie”: sono le competenze di comunicazione. È normale: siamo una specie sociale e la comunicazione è necessaria per la nostra sopravvivenza e per il nostro sviluppo. Sfortunatamente, l’educazione e altre dinamiche sociali molto spesso minano lo sviluppo di tali abilità e potresti trovarti a guidare una squadra di persone dalla comunicazione scarsa, che crollano o scattano nel conflitto al primo alito di brezza.

La formazione alle abilità di comunicazione non è rara nel mondo delle imprese, ma raramente è fornita a tutti i componenti di un’organizzazione. È spesso fornita ai venditori, a volte ai manager – generalmente mirata al public speaking – a quelli del marketing; ma che ne è del resto del personale? Che aiuto viene dato alle persone che devono lavorare gomito a gomito ogni giorno e costruire la performance dell’impresa con la loro continua comunicazione? Molto poco, in realtà.

Qualunque sia l’attività della tua organizzazione, le persone hanno bisogno di formazione per saper gestire le loro relazioni sul lavoro e superare gli inevitabili momenti di tensione, crisi, frustrazione e le incomprensioni che sono parte della vita (non solo sul lavoro). Ecco alcuni punti che non puoi trascurare:

  • Tutti devono esser rassicurati che le competenze di buona comunicazione possono essere imparate
  • Ogni persona nell’organizzazione, dall’AD all’uomo delle pulizie, deve “parlare la stessa lingua”
  • Educazione alla gestione delle emozioni e dell’intelligenza emotiva devono essere fornite
  • Metodi di trasformazione dei conflitti, come il Metodo CASE© (ma non è l’unico) devono essere parte della formazione, e rinfrescati periodicamente

Se terrai a mente questi semplici 4 consigli, la tua impresa sarà più sicura, indipendentemente dalle tempeste che incontrerà durante la sua vita. Essa, peraltro, sarà lunga e prospera. Nessuno cadrà drammaticamente nel conflitto o nella depressione durante tempi di crisi o di cambiamento. Come effetto collaterale, migliorerai la vita delle tue persone anche nel loro quotidiano privato; ciò stimolerà la loro gratitudine per la quale, ogni volta che sarà necessario, saranno pronte a darti quel “quid” in più che fa la differenza.



Lascia un commento